Get Adobe Flash player

Portare Bellezza Insieme

Orari: Sabato: 22,15

Domenica 8,15-10,45-11,45

Portare Bellezza Insieme

 

Siamo … dalla parte del “calcagno” : “Egli ti schiaccerà il capo e tu lo insidierai al calcagno” (Genesi 3,15)

Descritti, sempre, come perdenti davanti alle malvagità, di fatto siamo sempre insidiati e vincenti:

lentamente, silenziosamente, inesorabilmente.

Guardando, indietro nei tempi, constatiamo come la Parola e la Promessa si stanno avverando.

Io  porrò inimicizia fra te e la donna, fra la tua stirpe e la sua stirpe:

questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno». (Genesi 3,15)

Verrà una donna; da lei verrà la salvezza del mondo;

partorirà un figlio che sarà il Figlio di Dio ed il suo piede (il piede del Figlio) calpesterà il serpente.

Difficile, forse, comprendere per chi non ha fiducia;

certo e sicuro è il traguardo (continuo, non lontano, appassionante) per chi nutre fiducia in sé e nella Comunità dei credenti, quelli di “Buona volontà”.

Il coraggio di vivere

Non ci vuole coraggio per morire.

Ci vuole coraggio per vivere.

E per aiutare a vivere.

A vivere una vita di Resurrezione.

Voglia e certezza di costruire un domani migliore.

Che la sofferenza di oggi sia Resurrezione di domani. Ma il Domani comincia Oggi. Adesso. E’ qui!!

 

Bene … Dire

La prima volta che nelle Sacre Scritture (la S. Bibbia) si trova la parola “Benedire” è in

Genesi 12, 1-3:

“Il Signore disse ad Abram:

«Vattene dalla tua terra. Farò di te una grande nazione e ti benedirò,  renderò grande il tuo nome e possa tu essere una benedizione.

E’ “andarsene da una terra” e inventarne un’altra.

E’ passeggiare con Dio nel giardino che Dio stesso ha creato per l’Uomo;

E’”irrigate la terra e fatene un giardino”.

E’ “possa tu essere una benedizione”.

E’ collaborazione dell’Uomo alla Ri – Creazione della Terra.

E’ missione e grazia.

E’ gioia di esserci, è gioia di esserci insieme essere con … Dio e i fratelli.

E’ Alleanza, non Concorrenza.

E’ collaborare a creare un mondo capace ancora di cambiare una terra, cambiare un vocabolario, una concezione dell’Uomo che non sia “Lupo per l’altro Uomo”; Uomo che sia Fratello capace non solo di non uccidere Abele, ma di essere a Lui “fedele”, costruirlo e ricostruirlo perché ogni Uomo giunga alla pienezza di essere Uomo.

I Commenti sono chiusi

Sito Famiglia Cristiana
  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprova più tardi.