Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Domenica 31-07-2016

2016-7-31

Gloria del Regno di Dio è Gloria del Regno dell’Uomo

  1. Nemici del Regno di Dio e del Popolo di Dio sono: vanità, cupidigia, egoismo.

Chi è vanitoso? “Neppure di notte il loro cuore riposa: Anche questo è vanità!”

“Infatti, quale profitto viene all’uomo da tutta la sua fatica e dalle preoccupazioni del suo cuore, con cui si affanna sotto il sole? Quale profitto viene all’uomo da tutta la sua fatica?”
Questi uomini “Tu, Signore, li sommergi: sono come un sogno al mattino, come l’erba che germoglia; l mattino fiorisce e germoglia, alla sera è falciata e secca”

Ma se ogni desiderio, passione, lavoro, impegno profondo, lavoro per la famiglia, per i figli,  fosse vanità, allora chiunque si impegna è nell’errore?

Chi non è vanitoso? Chi non si appassiona di nulla? La persona indifferente di fronte a tutto?

E se il Signore Dio ci chiama a “sottomettere la terra”?

Cosa cerco io? Il Regno di Dio, Regno dell’Uomo Credente,  Regno del Popolo di Dio, o cerco il “”regno mio? Cerco di sostituire Dio … Crearmene un ‘altro perché quello che conosco non rispetta i miei piani?

“Non dite menzogne gli uni agli altri”: Non diciamole nemmeno a noi stessi.
“Ma Dio gli disse … Ma io vi dico: “Stolto!”. Spesso nella Sacra Scrittura si trovano queste parole rivolte all’uomo.

Cerco risposte dalla fede che la fede non da’. Ma le risposte necessarie le da’.

 

  1. Cosa è per noi il “Regno”, Regno di Dio, Regno dell’Uomo Credente?

Non è vanità il desiderio e il lavoro, l’impegno per “possedere il regno”.

Ritorna, Signore: fino a quando? Fino a quando dovremo domandarti ?

Fino a “Quando Cristo, vostra vita, sarà manifestato, allora anche voi apparirete con lui nella gloria perché la gloria di Dio è l’Uomo Vivente”.

“Proteggere o difendere”?:  proteggiamo il “cercate le cose di lassù”, se siamo “risorti con Cristo”.

La preghiera:Abbi pietà dei tuoi servi! Signore, nostro Dio: rendi salda per noi l’opera delle nostre mani, l’opera delle nostre mani rendi salda”.

Qui non vi può essere più, in Cristo “né Giudeo né Greco, circoncisione o incirconcisione, barbaro, Scita, schiavo, libero”, ma “Cristo tutto e in tutti”.
Un criterio per riconoscere il fedele?

“L’apostolo non prenda per sé nulla se non il pane (sufficiente) fino al luogo dove alloggerà;

se invece chiede denaro, è un falso profeta”.

Quante volte, invece, questa è la sola cosa che cerchiamo e l’unico motore che muove il mondo?

Quante volte, con desiderio di bene, mi rimproverate perché non sono abituato a chieder soldi?

Cosa fare?

Forse, ripensando, soprattutto, a ciò che accade ogni giorno, più o meno vicino a noi, dobbiamo cercare  un’altra Lepanto?

E se la Lepanto di oggi fosse l’invito fatto da Musulmani ai Musulmani di partecipare oggi alla Messa, in riparazione ai delitti compiuti?

E se la strada fosse questa?

E se imitassimo ogni giorno questa strada? Quanto posto rimarrebbe per l’odio?

La Madonna della Quercia sarà in mezzo a noi dal 21 al 28 di agosto.

Fu lei ad essere invocata da Papi, Vescovi, Sacerdoti, da tutti i cristiani, prima di Lepanto.

A lei furono donati i pennoni delle navi sconfitte.

Oggi può essere fonte di una preghiera diversa, adatta alle esigenze e alle necessità presenti.

Non possiamo essere coloro che leggendo la missione di Papa Francesco, spulciano da mattina a sera tutte le parole e i gesti suoi per trovarvi qualcosa di errato, piuttosto che cercare nelle parole e nei gesti quello che costruisce la presenza di Dio nella Storia?

I Commenti sono chiusi

Sito Famiglia Cristiana
  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprova più tardi.