Get Adobe Flash player

30 – 7 – 2017 Domenica XVII T.O. a

2017-7-30 Domenica XVII T.O. a

Fratelli,

non sentendoci preparati alla grande missione del Regno di Dio e,  talvolta, non sapendo come regolarci, preghiamo il Signore perché ci liberi dall’impegno della testimonianza cristiana.

 

Su questo facciamo, però, attenzione perché  il Padre ci ha predestinati ad essere come Gesù, ad imitarlo; ci ha chiamati; ci ha giustificati, ci ha anche glorificati.

E ricordiamo che, quando noi amiamo Dio, tutto concorre a costruire il bene.

 

Domandiamo, in quei momenti, nella preghiera, la Sapienza del cuore

perché, ciò che noi chiediamo e vogliamo, il Signore, Lui, ci concede. 

Chiediamo un cuore docile che sappia districarsi e scegliere tra il bene e il male;

sappia discernere quali mezzi usare per rimanere fuori del mondo eppure completamente immersi nel mondo; sappia rendere giusto il suo popolo.

 

Non ci spaventiamo se gli impegni sembrano tanti e tanto grandi.

Il Signore concederà un cuore  saggio e intelligente che potrà comprendere intimamente i messaggi del Vangelo e ricorda:

«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.

O è come una rete da pesca: quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi.

Con l’ispirazione del Signore impariamo a mettere insieme cose nuove e cose antiche; impariamo a non porci sempre in alternativa a tutto

(Quando pensiamo che noi tutto sappiamo e gli altri o sono farabutti o sono cretini:

il presunto nostro linguaggio su Dio crea l’ateismo pratico di molti!).

Facciamo attenzione che la nostra parte sia il Signore e non i nostri egoismi.

Osserviamo le parole del Signore e i suoi comandi, riteniamo meravigliosi i suoi insegnamenti; impariamo a custodire la Parola di Dio perché la rivelazione delle sue parole illumina, dona intelligenza ai semplici.

 

O Padre, donaci sapienza

per avere il discernimento dello Spirito,

perché sappiamo apprezzare,

vivendo fra le cose del mondo,

il valore inestimabile del tuo Regno.

 

I Commenti sono chiusi

Sito Famiglia Cristiana
  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprova più tardi.