Get Adobe Flash player

10-12-2017 Domenica II Avvento

2017-12-10 Domenica II Avvento


Introduzione: Il linguaggio del Vangelo è di una cultura ancora pastorale.

E’ vero: non è proporzionato al tempo odierno. Dobbiamo, quindi, introdurre il discorso di Gesù con le necessarie spiegazioni. Per questo si fanno riunioni e catechismo: perché il messaggio del Vangelo

sia proporzionato non ai tempi moderni, ma al linguaggio dei tempi moderni.

 

Penitenziale:  Per i malvagi il giorno del Signore verrà come un ladro di notte.

 

Annuncio della Parola:

Carissimi: Per chi desideri essere ricreato come giusto il Signore ha un cuore grande.

Davanti al Signore un solo giorno è come mille anni e mille anni come un solo giorno.

Il Signore non ritarda nel compiere la sua promessa,

anche se alcuni parlano di lentezza.

Il Signore viene e ci manda anche un messaggero per consolarci e avvisarci:

«Nel deserto preparate la via al Signore;

gridate che la vostra tribolazione è compiuta. Il Signore lo ha detto!».

L’annuncio di Giovanni Battista dobbiamo amplificarlo alzando la voce, con forza, senza temere.

Come Giovanni Battista siamo stati invitati ad avvisare che il Natale è vicino.

Ognuno una Lettera da scrivere

e portare in tutte le case per annunciare il Signore.

 

Dobbiamo vincere contro l’indifferenza e la falsa riservatezza che ci lega.

 

Noi diamo un annuncio di parole,  ma “egli vi battezzerà in Spirito Santo”.

Quando?

“… ma noi già siamo stati battezzati. Abbiamo fatto ciò che dovevamo fare”.

E vi basta quel giorno

oppure quel giorno è il giorno di Dio (un solo giorno è come mille anni e mille anni come un solo giorno).

Il Battesimo è un atto e basta o evoca uno stato di vita?

 

Aspettate e affrettate la venuta del giorno di Dio,

Nuovi cieli e una terra nuova, nei quali abita la giustizia.

Fate di tutto perché Dio vi trovi in pace.

 

I Commenti sono chiusi

Sito Famiglia Cristiana
  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprova più tardi.