Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

04 febbraio 2018 V DOMENICA T. O. B

domenica 04 febbraio 2018 V DOMENICA T. O. B

Guai a me se non annuncio il Vangelo

e annuncio me stesso.

“Parola di Dio” si può e si deve dire di tutto il “Libro”; di ogni libro; di ogni parola di ogni libro della Parola di Dio.

È bello cantare inni al nostro Dio, è dolce innalzare la lode.

Il professore di Greco, ogni volta che presentava un autore, anche minimo, di lui diceva: “Questo è il più grande ecc. ecc.”. Tutti erano “il più grande”. Ma ci sarà mai qualcuno “più grande” di tutti questi “più grande”?

Si faccia la stessa cosa di “Parola di Dio”: di ogni libro e di ogni parola di ogni libro.

Così dei testi delle letture di questa settimana: potete trovarmi nelle letterature, prima di questo scritto, testi umani che manifestino simili, anche se non uguali, pensieri?

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi 9,16-19.22-23:
Fratelli, annunciare il Vangelo non è per me un vanto, perché è una necessità che mi si impone: guai a me se non annuncio il Vangelo!

Se, poi, lo faccio di mia iniziativa, ho diritto alla ricompensa; ma se non lo faccio di mia iniziativa, è un incarico che mi è stato affidato.

Qual è dunque la mia ricompensa?

Quella di annunciare gratuitamente il Vangelo. Tutto io faccio per il Vangelo, per diventarne partecipe anch’io.

E non posso mettere il mio cervello, debole sempre, talvolta, purtroppo, perverso, al posto del Vangelo o usare e strumentalizzare il Vangelo a servizio del “mio” cervello.
Quando cerco di mettere in luce “il mio” Vangelo, piuttosto che il Vangelo “di Gesù Cristo”, è giusto che notti di affanno mi siano assegnate.

Non io:

E’ il Signore che ricostruisce e raduna.

Egli conta il numero delle stelle e chiama ciascuna per nome. (Il Signore ci conosce e ci chiama per nome: vedi il Catechismo dei fanciulli – libro copertina verde – A me, a te conosce e chiama ciascuno per nome).

Risanaci, Signore, Dio della vita: O Dio: ti accosti alla sofferenza di tutti gli uomini e li unisci alla Pasqua del tuo Figlio; rendici puri e forti nelle prove, perché impariamo a condividere con i fratelli il mistero del dolore, illuminati di Speranza.

Dal libro di Giobbe 7,1-4.6-7:

Giobbe parlò e disse: «L’uomo non compie forse un duro servizio sulla terra? Come uno schiavo sospira l’ombra, così a me sono state assegnati mesi d’illusione e notti di affanno.

Se mi corico dico: “Quando mi alzerò?”. La notte si fa lunga e sono stanco di rigirarmi fino all’alba.

I miei giorni scorrono più veloci d’una spola, svaniscono senza un filo di speranza».

La soluzione è nella Parola:
Dal Vangelo secondo Marco 1,29-39

Tutta la città era riunita davanti alla porta per ascoltare Gesù Cristo.

Gesù si avvicinò alla suocera di Simone, prendendola per mano: la febbre la lasciò ed ella li serviva.

Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma i suoi insistettero:

«Tutti ti cercano!».

«Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!». E andò per tutta la Galilea.

Oggi per noi va, viene nella Galilea di tutte le genti che siamo noi.

AVVISI:

7. Mercoledì: ore 18,00 S. Messa. Dopo la Messa riunione per la programmazione delle attività Pasquali.

Quaresima: Sabato e Domenica: all’Offertorio della Messa, offrire a Dio la vita familiare di un anno significata dal dono delle Palme d’olivo della Pasqua 2017, nell’attesa che con le Palme del 2018 benedica anche il prossimo anno.

Benedizione Pasquale delle famiglie e delle case: inizia la prenotazione.

Prendere accordi direttamente con don Lamberto anche per telefono a: 0761 477144 \ 339 2353031.

La Benedizione inizierà Mercoledì 14 febbraio al mattino dalle ore 10,00.

I Commenti sono chiusi

Sito Famiglia Cristiana
  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprova più tardi.