Get Adobe Flash player

2017-6-25 Domenica XII T.O.a

Orario Ss. Messe: Sabato ore 18,00

Domenica ore 8,15 -10,45

 

2017-6-25 Domenica XII T.O.a

Anche voi date testimonianza

 

Tutti i miei amici, anche loro,  aspettavano la mia caduta.

Sentivo perfino la calunnia di molti.

Fratelli, tutti hanno peccato.

Prima di Gesù (Fino alla Legge) ,infatti, c’era il peccato nel mondo.

 

Con Gesù, però, il dono di grazia è, sempre, più grande della caduta:

se infatti per il peccato di uno solo tutti morirono,

molto di più la grazia di Dio, e il dono concesso per mezzo di Gesù Cristo, si sono riversati in abbondanza su tutti, per sempre.

 

Il Signore è al mio fianco.

Cantate inni al Signore, lodate il Signore.

Al Signore cantino lode i cieli e la terra, i mari e quanto brùlica in essi.

Voi che cercate Dio, fatevi coraggio, perché il Signore ascolta i miseri,

non disprezza i suoi che sono prigionieri.

Signore, mi divora lo zelo per la tua casa;

io rivolgo a te la mia preghiera, nel tempo della benevolenza.

O Dio, nella tua grande bontà, rispondimi, nella fedeltà della tua salvezza.

Rispondimi, Signore,  perché buono è il tuo amore;

volgiti a me nella tua grande tenerezza.

 

«Non abbiate, quindi, paura degli uomini.

E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo,

ma non hanno potere di uccidere l’anima.

Due passeri non si vendono forse per un soldo?

Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro.

Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati.

 

Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini,

anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli;

chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini,

anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».

 

Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce,

e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.

18-6-2017 Festa del Corpus Domini

18-6-2017 Festa del Corpus Domini

 

  1. «Ricòrdati di tutto il cammino tuo e del Popolo di Dio.

Non dimenticare il Signore, tuo Dio. Loda il tuo Dio che ha benedetto i tuoi figli”.

 

Con cosa, come …  Dio ha benedetto i tuoi figli?

Con la sua Parola: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo.

Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

 

Se io mi innamoro della Parola di Gesù, accetto la sua Persona con tutte le conseguenze

non determinate né da prove né da calcoli: ho fiducia, mi affido a Lui,

ripongo in lui, nella sua presenza, la mia gioia.

Come un fidanzato e una fidanzata. Come uno sposo e una sposa.

 

  1. Cosa pensano coloro che non hanno fiducia in Gesù Parola di Dio e Figlio di Dio?

Cercano prove … anche qualcuno che si dice credente e presume di insegnarci la fede!

E se le prove non le hanno,  … (e della bontà e bellezza di una persona, non si possono avere):

allora (i Giudei!) ……..discutono aspramente fra loro:  «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». 

 

  1. La nostra risposta è la fiducia nella parola di Gesù: «In verità, in verità io vi dico:
  1. Questo è il pane disceso dal cielo;
  2. non è come quello che mangiarono i padri e morirono.

Volete continuare a cercare solo quel pane?

Tiratene anche le conseguenze.

Sono sbagliate le cantine? No.

Se le attese sono soltanto quelle: sì. Sono sbagliate le attese e, purtroppo, le conseguenze!

 

Per i credenti:

Popolo di Dio, loda il Salvatore perché è Pane vivo, che dà vita:  questo sia tema del tuo canto,  oggetto della lode.
La  Lode sia piena e risonante: Oggi abbiamo luce, non più tenebra.

Abbiamo la capacità di andare oltre il cercare le prove?

Se sì! diciamoci cristiani!

Se no! lasciamo perdere!

Non cerchiamo altre prove, altri segni miracolosi, altri miracoli.

Il miracolo vero è solo qui: la Parola di Dio in Cristo al quale abbiamo dato fiducia.

Ci arrampichiamo su cretinerie cercando di dimostrare che Dio, che suo Figlio Gesù ha ragione!

Dio non ha bisogno della nostra difesa!

Smettiamola di dare uno spettacolo indecente:

Quale innamorato serio metterebbe alla prova l’amore?!

 

“Vi abbiamo fatto conoscere la potenza e la venuta  del Signore nostro Gesù Cristo, non perché siamo andati dietro a favole artificiosamente inventate, ma perché siamo stati testimoni oculari  della sua grandezza”.

 

 E abbiamo anche, solidissima, la parola dei profeti, alla quale fate bene a volgere l’attenzione come a lampada che brilla in un luogo oscuro,

finché non spunti il giorno

e non sorga nei vostri cuori la stella  del mattino.

Sappiate anzitutto questo: nessuna scrittura profetica va soggetta a privata spiegazione,  poiché non  da volontà umana è mai venuta una profezia, ma mossi da Spirito Santo parlarono alcuni uomini da parte di Dio”

AVVISO

Ricordo che oggi, Giovedì 15 giugno,  alle ore 17,30

Si terrà la S. Messa del Corpus Domini presso la chiesa S. Andrea

E che alle 18,00 inizierà la Processione del Corpus Domini.

 

La Processione del Corpus Domini

Ho chiesto che si celebri oggi

Invece di Domini

Per non avere, Domenica, poco piacevoli incontri-scontri

A motivo di qualche eccesso possibile per … le cantine

Don Lamberto

Ringraziamenti Festa 2017

Sabato 24 giugno – ore 21,30 – Sala Ss. Filippo e Giacomo

PREMIAZIONE CONCORSO ‘Io ci sono: Contro il Bullismo e il Cyberbullismo; Insieme si può’

PREMIAZIONE CONCORSO
‘Io ci sono: Contro il Bullismo e il Cyberbullismo; Insieme si può’

Sabato 27 maggio, presso i locali della chiesa di S. Antonio Abate in Vetralla (VT), si è svolta la premiazione degli alunni delle classi che hanno partecipato al concorso:
‘Io ci sono: Contro il Bullismo e il Cyberbullismo; Insieme si può’.
Il concorso, promosso dalla Parrocchia dei Ss. Filippo e Giacomo * di Vetralla in collaborazione con gli istituti comprensivi “Piazza Marconi” * e “Andrea Scriattoli” * di Vetralla, ha registrato la partecipazione di 26 classi tra scuola Primaria e Secondaria di I° grado.

I lavori proposti alla giuria, presieduta dalla Dott.ssa Francesca De Rinaldis, sono stati molti e tutti originali nella elaborazione video-grafica e poetica del messaggio contro il fenomeno del Bullismo che ,con l’avvento delle nuove tecnologie d’informazione , in particolare gli smartphones e i social-media , sta assumendo una nuova e ‘virale’ forma detta appunto ‘CyberBullismo’.

Il premio , in denaro, di 125 € c/a da utilizzare per l’acquisto di materiale didattico, è stato assegnato alle seguenti classi:
SCUOLA PRIMARIA ‘PIAZZA MARCONI’ – VETRALLA
1° CLASSIFICATA CATEGORIA “TESTI” – CLASSE 3° C
1° CLASSIFICATA CATEGORIA “DISEGNI” – CLASSE 2° C
SCUOLA PRIMARIA ‘PIAZZA MARCONI’ – CURA
1° CLASSIFICATA CATEGORIA “DISEGNI” – CLASSE 3° A
SCUOLA SECONDARIA DI I° GRADO ‘ANDREA SCRIATTOLI’ – VETRALLA
1° CLASSIFICATA CATEGORIA “VIDEO” – CLASSE 2° E
1° CLASSIFICATA CATEGORIA “TESTI-POESIA” – CLASSE 1° C
1° CLASSIFICATA CATEGORIA “DISEGNI” – CLASSE 1° A

Alla premiazione, coordinata dal prof. Adelmo Frateiacci, sono intervenuti, oltre agli alunni ed ai docenti rappresentanti le classi in concorso:
Il parroco don Lamberto Di Francesco, i DS degli istituti coinvolti, Dott.ssa Elisa Maria Aquilani e il Dott. Roberto Santoni, la Dott.ssa Francesca De Rinaldis presidente della giuria, il Mar.llo Boris Marando.
Rivolgiamo infine un particolare ringraziamento per il prezioso supporto professionale alla Dott.ssa Francesca De Rinaldis , al personale della Caserma dei Carabinieri *, nella persona del Mar.llo Adriano Marzi, alla ASL VT4 *, nella persona del Dott. Vincenzo DI Gemma ed a tutti i ragazzi ,genitori, docenti e cittadini che hanno partecipato con entusiasmo alla manifestazione.
Arrivederci alla prossima edizione !

* La Comunità Educante

BLUE WHALE – CONSIGLI AI GENITORI ED AI RAGAZZI SUL ‘blue whale challenge’

Blu whale  (pdf) leggi il pdf

 

22.05.2017
BLUE WHALE – CONSIGLI

Il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni sta coordinando gli interventi attivati a seguito delle numerose segnalazioni pervenute ed in trattazione degli Uffici territoriali della Polizia Postale al fine di individuare la presenza di eventuali soggetti che si dedicano ad indurre minorenni ad atti di autolesionismo ed al suicidio attraverso l’uso di canali social e app ovvero di intercettare fenomeni di emulazione nei quali pericolosamente possono incorrere i più giovani in Rete in preda alle mode del momento o guidati da un’improvvida fragilità magari condivisa con un gruppo di coetanei.
Stiamo parlando del blue whale challenge, una discussa pratica che sembrerebbe provenire dalla Russia che viene proposta come una sfida in cui un così detto “curatore” manipola la volontà e suggestiona i ragazzi sino ad indurli, attraverso una serie di 50 azioni, al suicidio.
CONSIGLI PRATICI PER I GENITORI:
• Il Blue Whale è una pratica che può suggestionare i ragazzi ed indurli progressivamente a compiere atti di autolesionismo, azioni pericolose (sporgersi da palazzi, cornicioni, finestre etc) sino ad arrivare al suicidio. Questa suggestione può essere operata dalla volontà di un adulto che aggancia via web e induce la vittima alla progressione nelle 50 tappe della pratica oppure da gruppi whatsapp o sui social nei quali i ragazzi si confrontano sulle varie tappe, si fomentano reciprocamente, si incitano a progredire nelle azioni pericolose previste dalla pratica, mantenendo gli adulti significativi ostinatamente all’oscuro.
• Aumentate il dialogo sui temi della sicurezza in rete: parlate con i ragazzi di quello che i media dicono e cercate di far esprimere loro un’opinione su questo fenomeno;
• Prestate attenzione a cambiamenti repentini di rendimento scolastico, socializzazione, ritmo sonno veglia: alcuni passi prevedono di autoinfliggersi ferite, di svegliarsi alle 4,20 del mattino per vedere video horror, ascoltare musica triste.
• Se avete il sospetto che vostro/a figlio/a frequenti spazi web sulla Balena Blu-Blue Whale parlatene senza esprimere giudizi, senza drammatizzare né sminuire: può capitare che quello che agli adulti sembra “roba da ragazzi” per i ragazzi sia determinante;
Se vostro/a figlio/a vi racconta che c’è qualche compagno/a che partecipa alla sfida Balena Blue-Blue-Whale, non esitate a comunicarlo ai genitori del ragazzo se avete un rapporto confidenziale, o alla scuola se non conoscete la famiglia; se non siete in grado di identificare con certezza il/la ragazzo/a in pericolo recatevi presso un ufficio di Polizia o segnalate i fatti a www.commissariatodips.it.
AI RAGAZZI:
• Nessuna sfida con uno sconosciuto può mettere in discussione il valore della tua vita: segnala chi cerca di indurti a farti del male, a compiere autolesionismo, ad uccidere animali, a rinunciare alla vita su www.commissariatodips.it;
• Ricorda che anche se ti sei lasciato convincere a compiere alcuni passi della pratica Blue Whale non sei obbligato a proseguire: parlane con qualcuno, chiedi aiuto, chi ti chiede ulteriori prove cerca solo di dimostrare che ha potere su di te;
• Se conosci un coetaneo che dice di essere una balena Blu-blue whale parlane con un adulto: potrebbe essere vittima di una manipolazione psicologica e il tuo aiuto potrebbe farlo uscire dalla solitudine e dalla sofferenza;
• Se qualcuno ti ha detto di essere un “curatore” per la sfida Blue Whales-Balena Blu sappi che potrebbe averlo proposto ad altri bambini e ragazzi: parlane con qualcuno di cui ti fidi e segnala subito chi cerca di manipolare e indurre dolore e sofferenza ai più piccoli a www.commissariatodips.it;
• Se sei stato aggiunto a gruppi whatsapp, Facebook, Istagram, Twitter o altri social che parlano delle azioni della Balena Blu-Blue Whale parlane con i tuoi genitori o segnalalo subito su www.commissariatodips.it.

PREGHIERA PROCESSIONE MADONNA DEL CARMELO 28-05-2017

Preghiera Processione 2017

Domenica 21-5-2017 – Invito alla preghiera

Domenica 21-5-2017

Invito alla preghiera:

dialogo amorevole con il Padre perché affretti la venuta del suo Regno

come in cielo così in terra.

 

Lo Spirito del Signore è Spirito di verità.

Il mondo non lo può ricevere.

Noi, invece, lo conosciamo perché egli è in noi.

Da questo contrasto tra buoni e malvagi potranno venire a noi sofferenze.

Nel momento stesso, però, in cui si parlasse male di noi, perché annunciatori del Regno,

rimangano svergognati quelli che malignano sulla nostra buona condotta in Cristo.  E’ desiderio di Dio, di fronte a chi compie il male verso di noi, che noi diveniamo vincitori facendo il bene, anche soffrendo, piuttosto che facendo cose brutte-sbagliate.

 

Annunciare il Vangelo anche a costo di soffrire: questo è il tema.

Se sono credente in Gesù: Come faccio a dirmi cristiano se non annuncio il suo nome?

E’ vero che non sono Apostolo, sono un semplice cristiano: eppure Gesù, anche da me si aspetta che io annunci.

E’ ugualmente vero che, dopo il mio primo annuncio, ci siano Apostoli autorevoli che completino la missione di grazia; anch’io, però, sarò felice di aver collaborato alla venuta del Regno.

 

A noi si rivolge la parola di  Pietro apostolo:

Attendete e affrettate la venuta del Regno per avere nuovi cieli e terra nuova.

Adorate il Signore, Gesù Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi. 

 

Per il dono di questo Spirito acclamate Dio, cantate la gloria del suo nome. Venite e vedete le opere di Dio: che tutti possiamo avere zelo e impegno nell’annunciare e predicare la Parola; missione e grazia; compito grandioso per ogni credente in Gesù.

Quanti segni ha compiuto nella nostra vita!

Sia benedetto Dio, che non ha respinto la nostra preghiera:

anche io narrerò quanto per me ha fatto; non mi ha negato la sua misericordia.

 

Parola di Gesù a noi giunta per mezzo di Giovanni:

«Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre.

Non vi lascerò orfani: verrò da voi e voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi. Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama.

Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui». 

 

Orari:

Lunedì: catechismo per giovani, bambini, adulti.

Venerdì: Confessioni e, in piazza, “Concerto con i fiori”

Sabato: Concerto “Lodare Maria” e Premiazione Concorso “Bullismo”.

Domenica: Messe 8,15-10,45-11,45- 17,35. Processione 18,00.domenica

Domani sera, 17 maggio 2017, alle ore 18,30 – ‘Vetralla ai suoi Eroi’

Domani sera, 17 maggio 2017, alle ore 18,30 (S. Messa alle ore 18,00) in ricorrenza della Inaugurazione del Monumento ai Caduti, della Scuola Elementare, di Piazza XX Settembre (oggi Piazza G. Marconi,  nella chiesa S. Antonio Abate (la chiesa parrocchiale) in piazza G. Marconi terremo una Commemorazione .

 

Per l’occasione pubblicheremo due fascicoli :

                Vetralla ai suoi Eroi (Un libretto che fu scritto per l’occasione nel 1825)

Onorare un grande artista: Pietro Canonica

 

La celebrazione si svolgerà secondo il seguente schema e vedrà la partecipazione della Corale Vetrallese:

 

Presentazione

Gli Olivatori di Vetralla

               

                Proiezione e

nella Proiezione:

                               Le Pubblicazioni (Vetralla ai suoi eroi Onorare un grande artista – di Alfredo Moretti

                               Interventi:        

                                                              Adelmo Frateiacci

                                                               Aldemira Bacocco

                                                               Giancarlo  Bizzarri

                                                               Mario Costantini

La Canzone del Piave

Magna luva

In che sere

Preghiera:          Signore delle  Cime

 

Con la speranza di trovarci insieme,

 

Per il Comitato della Festa della Madonna del Carmelo, Portatori, Sorelle

Il Parroco

Di Francesco don Lamberto

 

“INSIEME” questo mese di maggio, questa VITA!

“INSIEME” questo mese di maggio, questa VITA!

 

Son migliaia di volte che celebriamo “prima Comunione” e il mondo in che stato si trova?!

In Siria anche oggi si celebra “prima Comunione”. Anche adesso stanno partendo barconi di poveri disgraziati che, credendo di fare la loro fortuna, vengono a realizzare la loro e la nostra desolazione. E si ha ancora miseria, morte del cuore.

E continuiamo a celebrare. Compiamo riti. Non celebriamo la Vita.

Eppure Gesù ha detto: “Io sono la Vita”.

Vuol dire non celebriamo davvero Gesù. Celebriamo soltanto un rito che ce lo ricorda.

Ma non ne fa MEMORIA. Lui è là e noi siamo qua! Non siamo ancora INSIEME!

Se noi ne facessimo davvero MEMORIA, renderemmo presente nella Vita Gesù Cristo e INSIEME a Gesù Cristo, cambieremmo la Vita.

No! Noi stiamo aspettando che lo faccia LUI.

E sfidiamo Dio: “Se fosse veramente buono, non dovrebbe permettere queste cose!”

Quante volte lo abbiamo detto?

Ma Lui lo farebbe se noi lo facessimo:

Se noi fossimo INSIEME; con Lui, e tutti con lui, poiché Egli Ama!

Cari miei, noi generalmente siamo da un’altra parte. Occasionalmente siamo qui.

Bisogna prendere decisioni radicali. E bisogna prenderle INSIEME e costantemente.

Mercoledì insieme abbiamo celebrato la Vita; qui in piazza: Sacerdote, Direttore, Preside, Professori, Maestre, Catechiste, Carabinieri, Popolo di Dio, Ragazzi, molte persone.

Carissimi, stiamo formando una Vera Comunità Educante. E’ una cosa grande.

C’eri anche tu? Ma tu dove eri? Smettiamola di dire: “C’ho da fa’”!

Esserci, INSIEME, oggi  che è Pasqua. Oggi che è “otto giorni dopo”, “il giorno dopo”, “ogni giorno dopo giorno” … tutti i giorni.

E’ così che si celebra MEMORIA. E’ così che si trasforma la Vita. Anche se fisicamente sono altrove. I bambini hanno compreso cosa significa: Presenza FISICA o Presenza REALE.

Hanno capito che oggi Gesù è qui. Non ha presenza fisica, ma ha presenza reale.

Chiedo a me e a voi di non tradire questi bambini e la Memoria di Gesù Cristo.

Smetterla di celebrare prima Comunione e iniziare a celebrare la Festa. Ogni Festa.

Chi non sarà qui Domenica prossima avrà tradito Cristo e questi bambini, le nostre speranze, quelle della Siria, quelle dei barconi; avrà glorificato le speranze di chi, con la scusa dello “sviluppo”, sta annegando il “progresso”.

So perfettamente che non tutti potremo avere la “presenza fisica” qui domenica prossima.

Occasionalmente assenti, invece che occasionalmente presenti!

Cari miei,

celebriamo Insieme, celebriamo sempre, celebriamo realmente, facciamo Memoria.

Cominciamo a dire:          Senza la Domenica non possiamo vivere!

Quando e come faccio Memoria?

Quando ne sento e ne vedo gli effetti, quando la mia vita mi rende sereno, si trasforma. Prima vivevo in un modo, oggi vivo in un altro. La Fede in Gesù non è fatta di chiacchiere, ma di Feste Effettive. Efficaci. Trasformatrici: ecco fare Memoria; quando Gesù Cristo è qui; quando “noi siamo qui”. Non basta: “Io sono qui!”. E quando sono in casa, e sento che Gesù Cristo è con me. E quando sto a lavorare e sento che Gesù Cristo è con me.

3 Maggio 2017 ore 18.30 – Insieme costruiamo bellezza

Salva

Manifesto Festività Madonna del Carmelo 2017

2017-4-16 Domenica II Pasqua, (in Albis deponendis), della Misericordia

 

2017-4-16 Domenica II Pasqua, (in Albis deponendis), della Misericordia

Maran Atha – Il Signore viene!

Marana Tha – Vieni, Signore Gesù!

 

Leggiamo: Vieni, Signore, a trasformare il mondo!

Non: Trasformiamo il Signore a servizio del mondo.

Non possiamo trasformare il Vangelo, la Parola di Dio in categorie umane: non esiste una politica cristiana, una economia cristiana ecc; esistono, invece, tanti modi diversi (tentativi) di avvicinare categorie umane (politica, economia, strutture di servizio) in categorie vicine al Vangelo (più o meno vicine; più o meno lontane – temporanee – fragili – fedeli – infedeli).

Anche il Codice di Diritto Canonico della Chiesa può esser valido solo per i casi di malvagità dei credenti, non per i buoni, e solo se “a servizio del Vangelo” (Papa Francesco a don Titus Mburu!).

Una notizia di cronaca oggi: In Russia è stato dichiarato fuori legge il movimento dei Testimoni di Geova.

Meno di cento anni fa’ era stata dichiarata fuori legge una Lettura autentica della Parola di Dio.

Si sono accorti che il cammino da compiere era perfettamente il contrario del cammino compiuto?!

Diventeranno, per noi, maestri di fede, quelli che la volevano affossare come “oppio dei popoli”?!

E abbiamo seguito e stiamo seguendo strade infedeli:

per avere la Pace: preparare la guerra (Si vis pacem, para bellum); diventa importante la notizia della “super Bomb!”.

Pensato alle bombe che rovinano, distruggono la natura, abbiamo chiuso il cielo!

E attendiamo che il Vangelo si trasformi in fredde, sterili, inutili, dannose –spesso – categorie umane!

Ed abbiamo una Pasqua che non sembra tale: il cielo è chiuso, tutto si sta disseccando, cadono le foglie degli ulivi, non spuntano fiori, dissecca il grano prima di mettere fuori la spiga, il gelo distrugge la spiga che è spuntata.

 

Apritevi, cieli! Vieni Signore a trasformare la terra.

Ed è più facile trasformare la Terra che l’Uomo che, testardamente continua a distruggerla.

I fiori che sono all’altare, belli, sono di serra, quasi artificiali, non sono frutto della Natura, ma di una Natura Imprigionata.

E abbiamo imprigionato la Vita, la Storia, la Storia di Salvezza!

E non riusciamo più a capire cosa vuole dire “Risorgere”: abbiamo ridotto la Resurrezione, che Gesù ha realizzato per sé nella sua persona e ha iniziato per il Creato intero, l’abbiamo ridotta ad illusione, idee campate per aria, qualcosa che “che tocca fa’” per conservare una tradizione inveterata e vecchia, che “ci serve” per salvare l’”occhio della gente”, per fare un bel pranzo, un “Ponte” una vacanza!

E i “Ponti” umani … crollano … per realizzare una bella … econo … MIA!

Ma tanto è il Bello! Oggi abbiamo celebrato la Prima Confessione: Bellezza!

Soddisfazione, gioia, partecipazione, serenità! Che volere di più?!

 

Che si apra il Cielo; che sorga la Primavera; che sorga dalla Terra il Cristo Gesù, il Liberatore, il Salvatore, che si possa, di nuovo, salutarci con

“Marana Tha”! Vieni Signore Gesù! Cristo Regni!

Sia lodato Gesù il Cristo!

Che possiamo anche noi gridare: Ho Visto il Signore!

Poter dire INSIEME: Abbiamo VISTO il Signore!

Toccato con mano!

Che bello! Oggi è Festa, oggi è Domenica,

andiamo alla Cena del Signore!

Mamma, Babbo, non facciamo tardi!

Su bambini, svelti, non possiamo far tardi

alla Cena del Signore, alla sua Parola.

Andiamo e, noi che lo possiamo,

portiamo doni a coloro che non hanno.

E noi, che abbiamo gioia, festa, portiamole a chi non ne ha!

 

Avvisi:

Oggi: Ss. Messe: 8,15 – 10,45

Lunedì il Catechismo non fa “Ponte”; Bambini, Riunione tutti in chiesa alle 15,30!

Adulti in sala piazza G. Marconi alle 17,30

Sorelle e Portatori:

Lunedì 24: Preparazione Macchina Processionale Madonna del Carmelo

Mercoledì 26: Pulizia e montaggio Macchina Processionale Madonna del Carmelo

Domenica 30: Inaugurazione Mese di Maggio e Peregrinatio Mariae nelle famiglie

Chi desidera ospitare per la Preghiera Comune la Statuina della Madonna del Carmelo si prenoti presso Lina Taschini (Telefono 0761 478002)

I programmi della Festa della Madonna del Carmelo e del Mese di Maggio saranno disponibili da Sabato 29.

Avviso – Prossimi impegni

Portare Bellezza Insieme

Orari: Sabato: 22,15

Domenica 8,15-10,45-11,45

Portare Bellezza Insieme

 

Siamo … dalla parte del “calcagno” : “Egli ti schiaccerà il capo e tu lo insidierai al calcagno” (Genesi 3,15)

Descritti, sempre, come perdenti davanti alle malvagità, di fatto siamo sempre insidiati e vincenti:

lentamente, silenziosamente, inesorabilmente.

Guardando, indietro nei tempi, constatiamo come la Parola e la Promessa si stanno avverando.

Io  porrò inimicizia fra te e la donna, fra la tua stirpe e la sua stirpe:

questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno». (Genesi 3,15)

Verrà una donna; da lei verrà la salvezza del mondo;

partorirà un figlio che sarà il Figlio di Dio ed il suo piede (il piede del Figlio) calpesterà il serpente.

Difficile, forse, comprendere per chi non ha fiducia;

certo e sicuro è il traguardo (continuo, non lontano, appassionante) per chi nutre fiducia in sé e nella Comunità dei credenti, quelli di “Buona volontà”.

Il coraggio di vivere

Non ci vuole coraggio per morire.

Ci vuole coraggio per vivere.

E per aiutare a vivere.

A vivere una vita di Resurrezione.

Voglia e certezza di costruire un domani migliore.

Che la sofferenza di oggi sia Resurrezione di domani. Ma il Domani comincia Oggi. Adesso. E’ qui!!

 

Bene … Dire

La prima volta che nelle Sacre Scritture (la S. Bibbia) si trova la parola “Benedire” è in

Genesi 12, 1-3:

“Il Signore disse ad Abram:

«Vattene dalla tua terra. Farò di te una grande nazione e ti benedirò,  renderò grande il tuo nome e possa tu essere una benedizione.

E’ “andarsene da una terra” e inventarne un’altra.

E’ passeggiare con Dio nel giardino che Dio stesso ha creato per l’Uomo;

E’”irrigate la terra e fatene un giardino”.

E’ “possa tu essere una benedizione”.

E’ collaborazione dell’Uomo alla Ri – Creazione della Terra.

E’ missione e grazia.

E’ gioia di esserci, è gioia di esserci insieme essere con … Dio e i fratelli.

E’ Alleanza, non Concorrenza.

E’ collaborare a creare un mondo capace ancora di cambiare una terra, cambiare un vocabolario, una concezione dell’Uomo che non sia “Lupo per l’altro Uomo”; Uomo che sia Fratello capace non solo di non uccidere Abele, ma di essere a Lui “fedele”, costruirlo e ricostruirlo perché ogni Uomo giunga alla pienezza di essere Uomo.

Come un Giornale – Pasqua 2017

Come un Giornale Pasqua 2017

Gli interventi dei relatori al convegno contro il ‘Bullismo e Cyberbullismo’

Dott. Vincenzo Di Gemma

———————————————————-

Dott.ssa Francecsa De Rinaldis

———————————————————-

Mar. Adriano Marzi Sta.CC Vetralla

———————————————————-

Mar. Giancarlo Ara Sta.CC Vetralla 1a parte

———————————————————-

Mar. Giancarlo Ara Sta.CC Vetralla 2a parte

———————————————————-

Sindaco Dr. Franco Coppari

———————————————————-

Dott. Roberto Santoni

———————————————————-

Dott.ssa Elisa Maria Aquilani

Avviso per le Benedizioni Pasquali

Avviso per le Benedizioni Pasquali

La Benedizione Pasquale delle Famiglie e delle Case inizia il Mercoledì delle Ceneri, 1° Marzo 2017, al mattino e si conclude il Mercoledì Santo, 12 Aprile, al mattino.

Le Benedizioni, come nel 2016, si terranno per prenotazione.

La prenotazione è bene che sia presa direttamente con don Lamberto (sarà lui a benedire).

Per facilitare il calendario delle Benedizioni si può cercare di organizzarsi anche per palazzi e vicinati.

Il motivo di questa iniziativa: quando viene il Sacerdote siano presenti i componenti della famiglia (nella misura in cui è possibile).

Non si deve aver timore di chiamare don Lamberto più di una volta nel medesimo palazzo o vicinato.

La prenotazione può esser concordata anche via E-Mail o per via telefonica.

E’ necessario nella prenotazione segnare attentamente nomi , indirizzi, numeri telefonici.

E-Mail: parrocchia.sfeg@gmail.com

Telefono: o761 477144

Cellulare: 339 2353031

Contro il ‘Bullismo e Cyberbullismo’